REDDITO DI EMERGENZA 2021
al via il 1º LUGLIO le nuove richieste per le mensilità di Giugno, Luglio, Agosto e Settembre.

Reddito di emergenza 2021, nuove mensilità nel Decreto Sostegni Bis

Reddito di emergenza Inps 2021.

Altre quattro quote di REm sono state previste dal Decreto Sostegni Bis per i nuclei familiari che ne hanno diritto.

Il sussidio è disponibile su domanda, da presentare dal 1 al 31 Luglio 2021.

Attenzione quindi, perché non è prevista alcuna automaticità per coloro i quali avessero già beneficiato del provvedimento in precedenza.

Purtroppo non è stato inserito in questo decreto il cosiddetto NASpI REm, ovvero l’assegnazione di quote REm a quei cittadini ex titolari di NASpI o DIS-COLL facenti parte di un nucleo familiare che non possiede, cumulativamente, i requisiti per il REm, previsto invece dal precedente Decreto Sostegni.

Che cos’è il Reddito di emergenza ?

Il REm 2021 è una misura di sostegno economico ai nuclei familiari in condizioni di necessità, varato per la prima volta con il Decreto Rilancio del maggio 2020. L’ultimo Decreto Sostegni Bis ne prevede l’erogazione per un importo mensile massimo di 800 euro (elevabili a 840 in caso di un membro del nucleo familiare con disabilità grave), per le mensilità di Giugno, Luglio, Agosto e Settembre 2021. 

E’ quindi un sostegno al reddito straordinario erogabile ai nuclei familiari in possesso dei requisiti in condizioni di necessità economica in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Reddito di emergenza 2021: requisiti e importi

Secondo quanto disposto dal Decreto Sostegni Bis, il “Reddito di emergenza” è riconosciuto al nucleo familiare che, al momento della domanda, possieda cumulativamente i seguenti requisiti:

  • un valore del reddito familiare nel mese di aprile 2021 inferiore all’importo REm previsto;
  • il richiedente deve essere residente in Italia al momento della domanda;
  • un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2020 (verificato al 31.12.2020) inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000; il massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza;
  • un valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), in corso di validità al momento di presentazione della domanda, inferiore ad euro 15.000.
Perchè scegliere i nostri servizi

Siamo a fianco del Patronato Epasa-Itaco per supportare i cittadini italiani nell’emergenza Covid-19

Richiedi maggiori informazioni

Indirizzo: Via del Giuba, 9 – 00199 ROMA (RM) – PEC: smart2people@pec.it – Support: assistenza@smart2people.it