REDDITO DI EMERGENZA 2021
Prorogato per tre mesi (marzo, aprile e maggio).
Richiedilo gratis online dal 7 aprile al 30 aprile 2021

Reddito di emergenza 2021 nuove risorse nel Decreto Sostegno.

Reddito di emergenza Inps 2021.

1,5 miliardi, stanziati dal Decreto Sostegni, per finanziare ancora tre mensilità del reddito d’emergenza (marzo, aprile e maggio) a favore delle famiglie che si trovano in condizioni di difficoltà economica a causa dell’emergenza Covid-19, introdotto lo scorso anno. 

Gli importi vengono incrementati se si ha in famiglia un componente in condizioni di grave disabilità.

Novità anche per i requisiti di accesso al REM: il sussidio viene esteso a soggetti che hanno terminato tra il 1 luglio 2020 e il 28 febbraio 2021 l’indennità di disoccupazione Naspi e Discoll.  Il Reddito di emergenza deve essere richiesto entro il 30 aprile 2021 e verrà corrisposto per tre mensilità: marzo, aprile e maggio 2021. 

 

 

Che cos’è il Reddito di emergenza ?

Il REm 2021 è una misura di sostegno economico ai nuclei familiari in condizioni di necessità, erogato per un valore da 1.200 a 2.400 euro, per le mensilità di Marzo, Aprile e Maggio. Viene riconosciuto un incremento sugli importi se si ha in famiglia un componente in condizioni di grave disabilità.

E’ quindi un sostegno al reddito straordinario erogabile ai nuclei familiari in possesso dei requisiti in condizioni di necessità economica in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

 

Reddito di emergenza 2021: requisiti e importi

Secondo quanto disposto dal Decreto Rilancio, il “Reddito di emergenza” è riconosciuto al nucleo familiare che, al momento della domanda, possiede cumulativamente i seguenti requisiti:
– residenza in Italia al momento della domanda, verificata con riferimento al solo componente richiedente il beneficio;
– un valore del reddito familiare inferiore a una soglia pari all’ammontare del beneficio;
– un valore ISEE, attestato dalla DSU valida al momento di presentazione della domanda, inferiore a 15.000 euro
-un valore del patrimonio mobiliare familiare inferiore a 10.000 euro. La soglia aumenta di 5.000 euro:
– per ogni componente successivo al primo (fino a un massimo di 10.000 euro);
In caso di presenza all’interno del nucleo di un soggetto in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) il predetto massimale è incrementato di 5.000 euro.
E’ necessario avere un valore dell’ISEE inferiore ad Euro 15.000.

Perchè scegliere i nostri servizi

Siamo a fianco del Patronato Epasa-Itaco per supportare i cittadini italiani nell’emergenza Covid-19

Richiedi maggiori informazioni

Indirizzo: Via del Giuba, 9 – 00199 ROMA (RM) – PEC: smart2people@pec.it – Support: assistenza@smart2people.it